Micro “estremo”

Micropiacere estremistico. Mi capita di avere a che fare con gente che ci crede. Non so a cosa, ma ci crede. Dalla politica alla religione, dal calcio alle istituzioni, mi trovo circondato sempre più spesso da chi ci crede. Da chi si prende sul serio, maledettamente sul serio. Io non difendo me stesso, non difendo le mie idee, spesso mi trovo a contraddirle, a negarle, figurarsi se mi metto a difendere il comportamento di un politico o di un calciatore. Siamo tutti puttane, dateci i soldi che rinneghiamo anche la mamma, basta ci sia il giusto prezzo, no? Secondo me sotto sotto in realtà c’è chi pensa che sia molto più importante metterci dell’energia nel credere in qualcosa, che non il merito di quello in cui si crede. Mi sono incasinato, ma per me è chiaro, vabbè. Voglio dire, non mi serve credere in qualcosa o in qualcuno per sentirmi vivo, lo sono a prescindere. Ad ogni modo, mentre vedo sempre più persone sbattersi per difendere il proprio credo, per difendere le proprie scelte, mi rendo conto che non me ne frega un cazzo difendere me stesso. Nel bene e nel male. Credo nell’amore, ecco in quello credo. Hi hi hi…rido.

Micro “estremo”ultima modifica: 2009-07-15T23:22:06+02:00da mikromakro
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Micro “estremo”

Lascia un commento