Micro “nicchia”

Micropiacere bloggaiolo. Un’amica elenca duetre cose che le hanno girato la giornata in positivo, cose semplici, banali. Le faccio “sono i micropiaceri della vita”. E lei non capisce. Non sa di questo blog, non ha mai letto nulla di queste piccole perle di banalità e mi prende in giro per quello che ho detto. Eh si, è un blog di … Continua a leggere

Micro “ovatta”

Micropiacere nevoso. La neve è arrivata, attesa o imprevista, ha causato danni e stramaledizioni, ha portato casini, problemi, ritardi, preoccupazioni e alla fine si è sciolta, o lo sta facendo adesso adesso. Tutti dicono la loro, a che ora ha iniziato a cadere, quanta ne è scesa e così via. Poi ci sono i sentimentali, quelli che vedono nella neve … Continua a leggere

Micro “tech”

Micropiacere hi-tech. Sono in trasferta in giornata per lavoro. In dotazione l’auto aziendale attrezzata. Cambio automatico, telepass, navigatore. Mi siedo e guido. Non penso ad altro. Non devo cambiare le marce, non devo guardare se sbaglio strada (un mio personalissimo record è quello di sbagliare strada non appena possibile), non uso un piede, non mi fermo al casello. E cazzeggio, … Continua a leggere

Micro “sconto”

Micropiacere con gadget. E’ tutto il giorno che mi sbaglio convinto che sia domenica. Ma non può esserlo, va bene che il tempo vola, ma lo era due giorni fa, è un po’ presto, no? Ad ogni modo un altro giorno di cazzeggio mi spinge al centro commerciale, per un primo giro natalizio, insomma, per capire quante rate di debito … Continua a leggere

Micro “clarks”

Micropiacere vellutato. Le avevo da bambino, insieme a un eskimo, veramente, senza essere figlio di sessantottini e senza capire che in realtà indossavo due simboli, non due capi di abbigliamento e calzature. Le adoravo pure, credo che le mettessi pure a dormire. Le mitiche Clarks, di velluto, che quando pioveva o nevicava si faceva la striscetta bianca sulla punta e … Continua a leggere

Micro “ozio”

Micropiacere riposante. Ieri non ho fatto un cazzo. Nulla. Sveglia, colazione, cazzeggio, pranzo, pennichella, cazzeggio, cena, cazzeggio. Nulla. Ho contribuito al nulla. Che bello. Ho perso una giornata. In un mondo dove tutto ha un valore, dove si deve solo guadagnare, ottenere, vincere, intascare, io ho perso un giorno.  Qualche giorno fa invece ero in una di quelle occasioni dove … Continua a leggere