Micro “foga”

Microtrauma podistico. Mattina presto, la viabilità di questo paesone della bassa diventa staticità, mi trovo imbottigliato nella via delle scuole all’ora delle scuole. Mannaggia, vuol dire metterci il doppio del tempo per fare un km forse di strada, e soprattutto una serie di quattro o cinque rossi all’unico semaforo. Allora mi guardo attorno, questo popolo di ragazzini, tutti uguali, stesse scarpe, stesso zainetto, stessa voglia di correre. Si, corrono, non camminano, corrono, come se non avessero tempo, quando in realtà ne hanno un sacco, hanno tutta la vita davanti. E io, invece, fermo in macchina. Mi sembra quasi un paradosso. Mi sembra una condizione mentale, oltre che fisica. C’è voglia di bruciare le tappe, i tempi, non sapendo che ci si ridurrà in macchina in fila a guardare altri giovani che han voglia di correre. Forse tutto ciò non ha senso, ma lo scoprirò dopo aver superato questo maledetto semaforo!

Micro “foga”ultima modifica: 2010-12-03T00:18:50+01:00da mikromakro
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Micro “foga”

  1. io becco i frequentatori di una scuola elementare due giorni a settimana. sono bellissimi sti ragazzini saltellanti vocianti e pieni di vita. un po’ smadonno perche’ mi tocca aspettare altrimenti il vigile mi fustiga, ma un po’ mi diverte vederli che si spintonano, si sfottono e se la ridono beati. una cosa so pero’, non tornerei mai indietro. piuttosto di rifare tutto l’iter fino agli attuali 39, preferisco morire qui, ora!

Lascia un commento